News

Artists

1/2/2019 - KARTHIK PANDIAN, ANDROS ZINS-BROWNE | ATLAS UNLIMITED (ACTS V-VI), LOGAN CENTER EXHIBITIONS, CHICAGO, USA

Exhibition dates: February 1st - March 17th, 2019 Opening Reception: Friday, February 1, 6-8pm | Logan Center Gallery Since 2011,…

Exhibition dates: February 1st - March 17th, 2019

Opening Reception: Friday, February 1, 6-8pm | Logan Center Gallery

Since 2011, visual artist Karthik Pandian and choreographer Andros Zins-Browne have been exploring the image of revolution in the wake of the Arab Spring. Narratives of movement—figurative and literal, political and aesthetic, confessional and speculative—have woven their way through a series of interrelated works across moving image, theatre, and dance. Atlas Unlimited, the latest iteration of this ongoing project, combines sculpture and storytelling, tracing the flows of people, art, and artifacts across geographies and cultures in the past, present, and future. Taking place across a number of international venues, Atlas Unlimited changes and adapts to its specific context as it moves, unfolding in a succession of “acts” at each location.

At the Logan Center Gallery, temporary architectures and sculptural fragments depict artifacts, monuments, tents, and border walls from Tahrir Square and Palmyra to Myanmar and the US-Mexico border. Other objects on view draw directly from the artists’ research on Chicago, referencing the “Street in Cairo” attraction and other temporary exhibitions erected during the Columbian Exposition of 1893. These fragmentary sets are presented in a constant state of flux as a cast of performers including a conservator, a bricklayer, an actor, and a painter intermittently erect, maintain, and dismantle them. Working in the gallery during opening hours, each performer recounts tales of displacement, settlement, and reconstruction that interweave personal testimonies with fictionalized accounts. These narratives emerge from a series of workshops conducted by the artists and their ongoing conversations with a host of collaborators in Chicago and elsewhere.

Karthik Pandian & Andros Zins-Browne: Atlas Unlimited (Acts V–VI) is realized in close collaboration with Anthony Adcock, Zakaria Almoutlak, Quenna Barrett, Jane Foley, Sami Ismat, Gabe Moreno, Tasha Vorderstrasse, Laura Toffenetti, and community members from the Rohingya Cultural Center, and students in the Design Apprenticeship and Community Actors Programs at Arts + Public Life, University of Chicago.

Karthik Pandian & Andros Zins-Browne: Atlas Unlimited (Acts V–VI) is presented by Logan Center Exhibitions and curated by Yesomi Umolu, Exhibitions Curator with Katja Rivera, Assistant Curator and Alyssa Brubaker, Exhibitions Coordinator. This exhibition is made possible by support from The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, The Reva and David Logan Foundation, The Graham Foundation for Advanced Studies in the Fine Arts, and friends of the Logan Center. Atlas Unlimited is co-commissioned by Netwerk Aalst and Logan Center Exhibitions, University of Chicago and co-produced by Precarious Pavilions Antwerp and The Great Indoors.

7/12/2018 - PATRICK TUTTOFUOCO | LA STRADA. DOVE IL MONDO SI CREA, MAXXI, ROME, ITALY (GROUP SHOW)

Exhibition dates: December 7th, 2018 - April 28th, 2019 LA STRADA. DOVE SI CREA IL MONDO Gallerie 3 e 4…

Exhibition dates: December 7th, 2018 - April 28th, 2019

LA STRADA. DOVE SI CREA IL MONDO

Gallerie 3 e 4

a cura di Hou Hanru con il team curatoriale del MAXXI

La strada come luogo di condivisione e innovazione, principale laboratorio per artisti, architetti e creativi

È il momento di tornare in strada: la vita urbana dovrebbe coincidere con la vita pubblica e la strada è il luogo in cui tutto avviene. Opere d’arte, progetti di architettura, fotografie, performance, interventi site specific e video accolgono il visitatore in una successione di gallerie che formano una strada lunga decine di metri.

Grandi installazioni accompagnano alla scoperta di una strada spesso nascosta in cui le affissioni sono presentate come arte accessibile al pubblico di massa e gli spazi nascosti prendono voce. La strada è analizzata come manifesto in continua mutazione della vita contemporanea, elemento di connessione ma anche di rottura, scenario delle esperienze del quotidiano come i festival di strada, i cinema estemporanei o lo street food.

07 dicembre 2018 - 28 aprile 2019

LA STRADA. DOVE SI CREA IL MONDO

Gallerie 3 e 4
a cura di Hou Hanru con il team curatoriale del MAXXI

La strada come luogo di condivisione e innovazione, principale laboratorio per artisti, architetti e creativi

È il momento di tornare in strada: la vita urbana dovrebbe coincidere con la vita pubblica e la strada è il luogo in cui tutto avviene. Opere d’arte, progetti di architettura, fotografie, performance, interventi site specific e video accolgono il visitatore in una successione di gallerie che formano una strada lunga decine di metri.

Grandi installazioni accompagnano alla scoperta di una strada spesso nascosta in cui le affissioni sono presentate come arte accessibile al pubblico di massa e gli spazi nascosti prendono voce. La strada è analizzata come manifesto in continua mutazione della vita contemporanea, elemento di connessione ma anche di rottura, scenario delle esperienze del quotidiano come i festival di strada, i cinema estemporanei o lo street food.

Artists

29/9/2018 - KARTHIK PANDIAN, ANDROS ZINS-BROWNE | ATLAS UNLIMITED, NETWERK AALST, AALST, BELGIUM

Exhibition dates: September 29th - December 16th, 2018 Since 2011, Karthik Pandian and Andros Zins-Browne have been exploring the image…

Exhibition dates: September 29th - December 16th, 2018

Since 2011, Karthik Pandian and Andros Zins-Browne have been exploring the image of revolution in the wake of the Arab Spring. The latest iteration of this ongoing collaboration is Atlas Unlimited. Taking place across a number of international venues, Atlas Unlimited changes and adapts to its specific context, as a succession of “acts” at each location.

The first three acts take place in Netwerk Aalst, and introduce a backdrop painting, sculptural fragments and artefacts that depict and re-enact squares, monuments and mise-en-scènes from Caïro, Palmyra, Ouarzazate, Marrakech and Aalst, including the atelier of the Syrian sculptor Zakaria Almoutlak.

These fragmented and unfinished objects and depictions seem caught in a constant state of flux as a cast of builders – including sculptors, painters, performers and a carnival crew – inhabit, erect, maintain and dismantle them in the exhibition space. While at work, these builders also turn to visitors to share stories of displacement, settlement and reconstruction, interweaving personal testimonies with fictionalised accounts.

Atlas Unlimited enacts the instability and itinerant realities of migration - of movement of people, places and objects. By giving agency to builders to both produce and narrate unfinished and temporary sets and sculptures, in dialogue with visitors and local organizations, Pandian and Zins-Browne test out the positive potential of unstable representations of identity and locality, in an attempt to overcome both the paralyzing effect of the truth/fiction collide and the powerlessness of the represented.

CREDITS

Karthik Pandian & Andros Zins-Browne: Atlas Unlimited (Acts I-III), Netwerk Aalst, 29 September – 16 December 2018

Builders, in order of appearance:

Zakaria Almoutlak is a sculptor from Syria living in Brussels Gaia Carabillo is an artworker from the south Nada Ghosn is an English-French-Arabic translator based in Paris Maren Greinke is Professor of Set Design at the Hochschule für Bildende Künste Dresden. Her students are Erik Hamann, Jule Mainka, Katharina Kriseleit, Niklas Müller & Valentin Hammermeister De Looizemaanen is a carnival crew from Aalst Ilyas Odman is a choreographer living in Istanbul Guido Van Vliet is a sculptor living in Oud Heverlee El Dakhlaweyya are a band of Shaabi musicians from Alexandria, Egypt Maika Garnica is an artist based in Antwerp Makhlouf is a cartoonist working in Cairo

Production: Sien Van Dycke (Brussel), Katie Soule (Cambridge), Menna Khalil (Cairo) & Netwerk Aalst, thanks to the Aalst-based carnival groups Steirk and Zwisjelmoizen

Atlas Unlimited (Acts I-VI): Karthik Pandian & Andros Zins-Browne is co-commissioned by Netwerk Aalst and Logan Center Exhibitions, and co-produced by Precarious Pavilions Antwerp and The Great Indoors. It is made possible with the support from The Graham Foundation for Advanced Studies in the Fine Arts.

15/9/2018 - PATRICK TUTTOFUOCO | ZERO (WEAK FIST), RIMINI, BERLIN, BOLOGNA

Exhibition dates: September 15th, 2018 - February 17th, 2019 ZERO (Weak Fist) è un progetto dell’artista Patrick Tuttofuoco promosso dal…

Exhibition dates: September 15th, 2018 - February 17th, 2019

ZERO (Weak Fist) è un progetto dell’artista Patrick Tuttofuoco promosso dal Polo Museale dell’Emilia Romagna con la collaborazione del Comune di Rimini, l’Accademia di Belle Arti di Bologna, l’Istituto Italiano di Cultura di Berlino e l’organizzazione culturale Xing, vincitore della prima edizione del bando Italian Council (2017) concorso ideato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo.

ZERO (Weak Fist) si svolgerà tra Rimini, Berlino e Bologna dal 15 settembre 2018 al 17 febbraio 2019.

Con ZERO (Weak Fist) Patrick Tuttofuoco ha inteso rispondere a una sollecitazione istituzionale la cui occasionalità parte da un locus geografico: l’Arco di Augusto di Rimini. Sfondo e scenario ispirazionale di questo intervento, l’Arco di Augusto è una struttura simbolica priva di porte e di barriere. Questa sua caratteristica lo rende a tutti gli effetti un’architettura non di difesa ma di accoglienza, testimone di un periodo di pace e convivenza tra popoli. Da Rimini, si diramano due strade consolari, l’Emilia e la Flaminia, che rifrangono, proprio partendo da questo sito, un limes che è al contempo urbano e universale, ossia una coincidenza tra i confini della città-stato e i confini della sua area di influenza politico-amministrativa in continua espansione.

ZERO (Weak Fist) si sviluppa come un intervento transitante: una scultura luminosa mobile progettata per ricollocarsi in una serie di tappe a Rimini, Berlino e Bologna.

I luoghi scelti per le tre città hanno un carattere di reperto archeologico, fossile, quasi fossero rimasti immutati nel tempo (formalmente o idealmente): l’arco romano di Rimini, il cortile/palazzo dell'Ambasciata Italiana a Berlino e la Porta Zamboni/San Donato, punto di accesso al quartiere universitario bolognese che è stato luogo di irradiazione della ripresa medioevale del diritto romano.

“La scultura è un oggetto fresco che pur mantenendo una forma scoraggiata e malinconica evidenzia la presenza, il contesto e il ruolo delle architetture alle quali aderisce quasi in una forma di simbiosi. Il pugno cadente da un lato può sembrare un’arresa, ma dall’altro un tentativo di negoziazione non violento”.

ZERO è un segno. Nel linguaggio dei segni lo zero é espresso mostrando la mano chiusa con il pollice a contatto con la punta delle altre dita. Polisemicamente raccorda il gesto di un Doriforo disarmato ripreso dalla statuaria ellenistica, e il rilascio sospeso tra tensione e rilassamento di un pugno semi-aperto allusivo del fare umano e la sua vita activa.

ZERO (Weak Fist) è un’opera cangiante, visibile nella sua natura mediale durante la notte, che utilizza un simbolo allusivo, espresso come presenza al contempo gioiosa e incombente in connessione con le monumentalità differenti di Rimini, Berlino e Bologna. E’ un gesto non violento insinuato tra architetture forti che segna la persistenza di un pensiero critico.

Patrick Tuttofuoco_breve biografia critica

Il linguaggio innovatore di Patrick Tuttofuoco dà vita a un’opera originale e capace di intessere un confronto paritario con gli altri importanti interventi d’arte che hanno avuto la via Emilia come oggetto di indagine. Il suo lavoro è incentrato sull'originale rilettura dei codici delle forme urbane, sulle modalità di coinvolgimento e di collaborazione del pubblico nel progetto delle opere, sulla sfera dell’intrattenimento, sulla realtà intesa come un organismo vivente fonte di energia. Le sue opere sono state esposte all’interno di prestigiosi contesti museali e in spazi pubblici sia in Italia (OGR Officine Grandi Riparazioni a Torino, Biennale di Venezia, Galleria d’Arte Moderna di Milano, Piazza del Popolo a Roma come vincitore del Premio Enel Contemporanea, MART di Rovereto, MAMbo a Bologna, PAC e Hangar Bicocca a Milano, MAXXI a Roma, Fondazione Re Rebaudengo a Torino) che all’estero (Museum of Contemporary Art di Tokyo, De Appel di Amsterdam, Biennale di Shanghai, Biennale de l’Avana, Triennale di Folkstone, Manifesta 5, Art Metropole a Toronto, Istituto Italiano di Cultura di Berlino e di Madrid, Bloomberg a New York). Luci, superfici specchianti, laser e neon colorati, sono gli elementi che permettono a Patrick Tuttofuoco di creare un dialogo con il pubblico e con lo spazio in cui si trova a operare e che riflettono la radice dinamica e corale della sua ricerca artistica.

ZERO (Weak Fist) è un progetto dell’artista Patrick Tuttofuoco promosso dal Polo Museale dell’Emilia Romagna con la collaborazione del Comune di Rimini, l’Accademia di Belle Arti di Bologna, l’Istituto Italiano di Cultura di Berlino e l’organizzazione culturale Xing, vincitore della prima edizione del bando Italian Council (2017) concorso ideato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo.
ZERO (Weak Fist) si svolgerà tra Rimini, Berlino e Bologna dal 15 settembre 2018 al 17 febbraio 2019.
Con ZERO (Weak Fist) Patrick Tuttofuoco ha inteso rispondere a una sollecitazione istituzionale la cui occasionalità parte da un locus geografico: l’Arco di Augusto di Rimini. Sfondo e scenario ispirazionale di questo intervento, l’Arco di Augusto è una struttura simbolica priva di porte e di barriere. Questa sua caratteristica lo rende a tutti gli effetti un’architettura non di difesa ma di accoglienza, testimone di un periodo di pace e convivenza tra popoli. Da Rimini, si diramano due strade consolari, l’Emilia e la Flaminia, che rifrangono, proprio partendo da questo sito, un limes che è al contempo urbano e universale, ossia una coincidenza tra i confini della città-stato e i confini della sua area di influenza politico-amministrativa in continua espansione.
ZERO (Weak Fist) si sviluppa come un intervento transitante: una scultura luminosa mobile progettata per ricollocarsi in una serie di tappe a Rimini, Berlino e Bologna.
I luoghi scelti per le tre città hanno un carattere di reperto archeologico, fossile, quasi fossero rimasti immutati nel tempo (formalmente o idealmente): l’arco romano di Rimini, il cortile/palazzo dell'Ambasciata Italiana a Berlino e la Porta Zamboni/San Donato, punto di

 

 

24/8/2018 - SALVATORE ARANCIO | SURREAL SCIENCE: LOUDON COLLECTION WITH SALVATORE ARANCIO, WHITECHAPEL GALLERY, LONDON, UK

Exhibition dates: August 24th, 2018 - January 6th, 2019 Gallery 7, Free Entry On encountering an exquisitely rendered glass jellyfish…

Exhibition dates: August 24th, 2018 - January 6th, 2019

Gallery 7, Free Entry

On encountering an exquisitely rendered glass jellyfish and other invertebrates by Leopold and Rudolf Blaschka in the Natural History Museum at Harvard University in 1998, Dutch art collector George Loudon began an extraordinary collection of scientific objects. These 19th century teaching models and illustrations were created for handling and contemplation in the pursuit of knowledge of the natural world.

The collection now contains over 200 objects, crafted from unexpected materials including lost-wax casts, minerals, velvet, ivory and glass and extends to strikingly-illustrated books, prints, drawings and anatomical specimens from taxidermied animals to bisected human skulls and papier-mâché flowers.

Whitechapel Gallery invites Salvatore Arancio (b. 1974, Italy) to select from and respond to the collection in an exhibition that stages the objects in dialogue with the artist’s own works. Arancio is renowned for his fantastical prints and ceramics that erupt in vividly chromatic biomorphic forms. He has devised a surreal scenography filled with sound, light and his own ceramic sculptures. They are juxtaposed with scientific objects to create startling hybrids and poetic narratives including a 19th century treatise on the shape and colour of human souls. A film with a new soundtrack by The Focus Group musician Julian House takes nature documentaries as its starting point.

Inner and outer worlds are brought together in an installation that illuminates a rare collection devoted to exploring and understanding the mysteries of nature and existence through scientific enquiry.

#SurrealScience

Collection
Surreal Science: Loudon Collection with Salvatore Arancio

25 August 2018 – 6 January 2019

On encountering an exquisitely rendered glass jellyfish and other invertebrates by Leopold and Rudolf Blaschka in the Natural History Museum at Harvard University in 1998, Dutch art collector George Loudonbegan an extraordinary collection of scientific objects. These 19th century teaching models and illustrations were created for handling and contemplation in the pursuit of knowledge of the natural world.

The collection now contains over 200 objects, crafted from unexpected materials including lost-wax casts, minerals, velvet, ivory and glass and extends to strikingly-illustrated books, prints, drawings and anatomical specimens from taxidermied animals to bisected human skulls and papier-mâché flowers.

Whitechapel Gallery invites Salvatore Arancio (b. 1974, Italy) to select from and respond to the collection in an exhibition that stages the objects in dialogue with the artist’s own works. Arancio is renowned for his fantastical prints and ceramics that erupt in vividly chromatic biomorphic forms. He has devised a surreal scenography filled with sound, light and his own ceramic sculptures. They are juxtaposed with scientific objects to create startling hybrids and poetic narratives including a 19th century treatise on the shape and colour of human souls. A film with a new soundtrack by The Focus Group musician Julian House takes nature documentaries as its starting point.

Inner and outer worlds are brought together in an installation that illuminates a rare collection devoted to exploring and understanding the mysteries of nature and existence through scientific enquiry.

#SurrealScience

22/6/2018 - CARLO GABRIELE TRIBBIOLI | THAT'S IT! SULL'ULTIMA GENERAZIONE DI ARTISTI IN ITALIA E A UN METRO E OTTANTA DAL CONFINE, MAMBO, BOLOGNA, ITALY

Exhibition dates: June 22nd - November 11st, 2018 Il MAMbo apre la programmazione espositiva del suo spazio principale - la…

Exhibition dates: June 22nd - November 11st, 2018

Il MAMbo apre la programmazione espositiva del suo spazio principale - la Sala delle Ciminiere - sotto la direzione artistica di Lorenzo Balbi, con That’s IT! Sull'ultima generazione di artisti in Italia e a un metro e ottanta dal confine, una mostra che presenta i lavori di 56 tra artisti e collettivi nati dal 1980 in avanti, esplorando differenti media e linguaggi.

L’esposizione, dal taglio dichiaratamente generazionale, indaga gli sviluppi più recenti dell’arte nel nostro Paese, coerentemente con un preciso posizionamento nel panorama italiano e internazionale che il MAMbo ha scelto di darsi.

That’s IT! (IT come codice dell’Unione Europea che individua la sigla dell’Italia) non si sviluppa, volutamente, intorno a un concept unitario e monolitico, ma propone interrogativi e possibili letture della contemporaneità in una prospettiva aperta, dialettica e magmatica. Ha ancora senso oggi definire un artista “italiano”? Cosa contribuisce a determinare la definizione di “italianità”? Tale definizione ha delle conseguenze sull’autorappresentazione dell’artista? Dove e come poniamo il confine geografico e generazionale? La mostra propone alcune tra le possibili risposte.

Matilde Cassani (1980), Giuseppe De Mattia (1980), Margherita Moscardini (1981), Michele Sibiloni (1981), Riccardo Benassi (1982), Ludovica Carbotta (1982), Danilo Correale (1982), Andrea De Stefani (1982), Giulio Squillacciotti (1982), Marco Strappato (1982), Carlo Gabriele Tribbioli (1982), Ian Tweedy (1982), Invernomuto (Simone Trabucchi, 1982 e Simone Bertuzzi, 1983), Francesco Bertocco (1983), Giovanni Giaretta (1983), Lorenzo Senni (1983), Alberto Tadiello (1983), IOCOSE (Filippo Cuttica, 1983, Davide Prati, 1983, Matteo Cremonesi, 1984 e Paolo Ruffino, 1984), Elia Cantori (1984), Giulio Delvè (1984), Elena Mazzi (1984), Diego Tonus (1984), Calori&Maillard (Violette Maillard, 1984 e Letizia Calori, 1986), Federico Antonini (1985), Alessio D’Ellena (1985), Nicolò De Giorgis (1985), Riccardo Giacconi (1985), Adelita Husni-Bey (1985), Diego Marcon (1985), Ruth Beraha (1986), Elisa Caldana (1986), Roberto Fassone (1986), Francesco Fonassi (1986), Petrit Halilaj (1986), Andrea Kvas (1986), Beatrice Marchi (1986), The Cool Couple (Niccolò Benetton, 1986 e Simone Santilli, 1987), Filippo Bisagni (1987), Benni Bosetto (1987), Lia Cecchin (1987), Alessandro Di Pietro (1987), Stefano Serretta (1987), Giulia Cenci (1988), Tomaso De Luca (1988), Julia Frank (1988), Marco Giordano (1988), Orestis Mavroudis (1988), Valentina Furian (1989), Parasite 2.0 (Stefano Colombo, 1989, Eugenio Cosentino, 1989 e Luca Marullo, 1989), Alice Ronchi (1989), Emilio Vavarella (1989), Irene Fenara (1990), Angelo Licciardello (1990) & Francesco Tagliavia (1992), Caterina Morigi (1991), Margherita Raso (1991), Guendalina Cerruti (1992).

15/6/2018 - SALVATORE ARANCIO | PAESAGGI MENTALI / TRAIETTORIE ARTIFICIALI (GROUP SHOW CURATED BY LORENZO BRUNI), MANIFESTA12 COLLATERAL EVENTS, MUSEO DI GEOLOGIA G.G. GEMMELLARO, PALERMO, ITALY

Exhibition dates: June 15th - October 18th, 2018 La mostra “Paesaggi Mentali / Traiettorie Naturali”, a cura di Lorenzo Bruni,…

Exhibition dates: June 15th - October 18th, 2018

La mostra “Paesaggi Mentali / Traiettorie Naturali”, a cura di Lorenzo Bruni, evento collaterale di Manifesta 12 - Biennale itinerante d’arte internazionale - e nel calendario ufficiale di Palermo Capitale della Cultura 2018, aprirà i battenti giovedì 14 giugno alle ore 18.00 al Museo di Geologia “G.G. Gemmellaro” di Palermo in collaborazione con SIMUA - Sistema Museale di Ateneo.

La mostra, curata da Lorenzo Bruni, riflette sulle prerogative che può avere oggi il concetto di paesaggio “ideale” sia dal punto di vista naturale che da quello dell’interazione interculturale. L’intento del progetto è di considerare il paesaggio in quanto territorio da condividere nelle esperienze della sua scoperta, ma anche nella riattivazione del concetto di comunità. Gli artisti invitati ad intervenire all’interno del Museo di Geologia, in dialogo con la sua collezione e il suo particolare display museale, sono Maurizio Nannucci, Antoni Muntadas e Marinus Boezem – storici artisti di fama internazionale, attivi fin dagli anni Sessanta, e tra i primi a confrontarsi con il dialogo tra natura, cultura e linguaggio - e artisti mid-career Salvatore Arancio, Domenico Mangano & Marieke van Rooy e Paolo Parisi. Questi ultimi, siciliani che hanno scelto da lungo tempo di vivere e lavorare al di fuori dell’isola, in quest’occasione sono stati chiamati a riflettere sul tema del viaggio e della memoria per realizzare appositamente per la mostra dei lavori connessi al loro ripensare alla Sicilia. I mezzi adottati e suggeriti dagli artisti per indagare il dialogo tra l’io, l’attorno, il senso di appartenenza e le modalità di trasmissione del sapere al tempo del digitale sono quelli legati al concetto di viaggio. Al fine di sottolineare la necessità di acquisire una sempre maggiore coscienza del contesto fisico e mentale con cui l'osservatore interagisce con la realtà globale e immateriale dell'informazione, sono stati invitati altri tre artisti – Stefania Galegati Shines, David Medalla e Gianni Melotti – per realizzare dei progetti speciali legati alla comunicazione della mostra per proporre una prospettiva inedita sul ruolo del museo al tempo degli archivi digitali istantanei.

Il progetto, inserito tra gli eventi collaterali di Manifesta 12 e Palermo Capitale della Cultura 2018, è stato realizzato grazie alla collaborazione con AANT_Factory all’interno di AANT – Accademia di Arti e Nuove Tecnologie di Roma, che si è occupata della grafica e della comunicazione dell’evento, con SIMUA – Sistema Museale di Ateneo e grazie al supporto di FAM – Fabbriche Chiaramontane di Agrigento e di Magonza Editore di Arezzo, che pubblicherà il catalogo.

 

// ENGLISH VERSION

 

The exhibition “Mental Landscapes / Natural Trajectories,” curated by Lorenzo Bruni, a collateral event of Manifesta 12 – the European Nomadic Biennial – and part of the official calendar of Palermo Capital of Culture 2018, will open on Thursday, June 14 at 6pm at the “G.G. Gemmellaro" Geological Museum in Palermo, in collaboration with SIMUA, the city’s University Museum System.

The exhibition, curated by Lorenzo Bruni, reflects on the prerogatives that could today express the concept of the “ideal” landscape from both a nature and intercultural interaction perspective.

The purpose of the project is to consider landscapes as territories to share in experiencing its discovery, as well as in the reinstatement of the concept of community. The artists invited to intervene in the Geological Museum, thus entering into a dialogue with the collection and its particular museum display, are Maurizio Nannucci, Antoni Muntadas and Marinus Boezem, internationally renowned artists that have been active since the 1960s and among the first to explore the dialogue between nature, culture and language, as well as three mid-career as Salvatore Arancio, Domenico Mangano & Marieke van Rooy and Paolo Parisi. These artists of Sicilian origin that long ago chose to live and work off the island analyse memory and their comeback in Sicilia to create site specific works. The journey and the dynamics of dialogue are adopted and evoked by the artists to create the various reflections connected to the theme of the discourse between the id, our surroundings, the sense of belonging and the manner of conveying know-how in the digital age. To underline the need for increasing awareness about both the physical and mental context within which the observer interacts with the global and intangible reality of information, three additional artists were invited – Stefania Galegati Shines, David Medalla and Gianni Melotti – to create specific projects tied to communicating the overall project and to suggest an innovative perspective of the role of the museum in this era of instant digital archives.

The project, a collateral event of Manifesta 12 and Palermo Capital of Culture 2018, was made possible thanks to the collaboration with AANT_Factory at AANT, Accademia di Arti e Nuove Tecnologie in Rome, which was responsible for the event’s graphic design and communication, SIMUA, Palermo’s University Museum System, and FAM – Fabbriche Chiaramontanee in Agrigento, as well as with Magonza Editore in Arezzo, who will publish the catalogue.

15/6/2018 - SALVATORE ARANCIO | IL RICHIAMO DI CTHULHU (GROUP SHOW CURATED BY LORENZO BENEDETTI), MANIFESTA12 COLLATERAL EVENTS, PALAZZO MAZZARINO, PALERMO, ITALY

Exhibitions dates: June 15th - November 4th, 2018   Curated by Lorenzo Benedetti  

Exhibitions dates:

June 15th - November 4th, 2018

 

Curated by Lorenzo Benedetti

 

14/4/2018 - PATRICK TUTTOFUOCO | HETEROCHROMIC (ROSA E CARLO), GALLERIA CRACCO, MILAN, ITALY

Exhibition Dates: April 14th - October 31th, 2018 L’innovativo ristorante di Carlo Cracco in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano…

Exhibition Dates: April 14th - October 31th, 2018

L’innovativo ristorante di Carlo Cracco in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano si lega all’arte
e alla creatività inaugurando, venerdì 13 aprile 2018, Galleria Cracco by Sky Arte, un progetto
che nasce con la volontà di coinvolgere una serie di artisti italiani contemporanei nel realizzare
tre volte l’anno interventi site specific per le “lunette” che sovrastano le vetrine del ristorante
dello chef stellato.
Galleria Cracco è un progetto nato dall’idea dello chef insieme all’agenzia di comunicazione
Paridevitale e a Sky Arte HD, il primo canale televisivo dedicato all’arte in tutte le sue forme.
Saranno tre vetrine d’arte con una vocazione “pubblica”, fruibile 24 ore su 24, e gratuitamente,
da tutti coloro che attraverseranno la Galleria Vittorio Emanuele, luogo simbolo di Milano, che vede
oltre 100.000 visitatori al giorno.
Patrick Tuttofuoco: Heterochromic (Rosa e Carlo)
La prima installazione site specific ad inaugurare Galleria Cracco è Heterochromic (Rosa e
Carlo) dell’artista Patrick Tuttofuoco, risultato di una riflessione intimamente legata al concetto
di identità.
“Nella mia ricerca sono sempre interessato al fenomeno della ‘polarità’; che si tratti di dicotomia o
fusione, quello che cerco di fare è indagare quei fenomeni secondo cui dalla giustapposizione di
due elementi prende vita una forma sola, un concetto unico, visibile e comprensibile”, afferma
Patrick Tuttofuoco. “In Heterochromic i due elementi su cui mi sono trovato a riflettere sono Carlo
Cracco e Rosa Fanti, sua compagna di vita nel senso più ampio, e di come le due identità uomo e
donna si possano fondere in un progetto così importante”.

L’innovativo ristorante di Carlo Cracco in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano si lega all’arte e alla creatività inaugurando, venerdì 13 aprile 2018, Galleria Cracco by Sky Arte, un progetto che nasce con la volontà di coinvolgere una serie di artisti italiani contemporanei nel realizzare tre volte l’anno interventi site specific per le “lunette” che sovrastano le vetrine del ristorante dello chef stellato.

Galleria Cracco è un progetto nato dall’idea dello chef insieme all’agenzia di comunicazione Paridevitale e a Sky Arte HD, il primo canale televisivo dedicato all’arte in tutte le sue forme. Saranno tre vetrine d’arte con una vocazione “pubblica”, fruibile 24 ore su 24, e gratuitamente, da tutti coloro che attraverseranno la Galleria Vittorio Emanuele, luogo simbolo di Milano, che vede oltre 100.000 visitatori al giorno.

La prima installazione site specific ad inaugurare Galleria Cracco è Heterochromic (Rosa e Carlo) dell’artista Patrick Tuttofuoco, risultato di una riflessione intimamente legata al concetto di identità. “Nella mia ricerca sono sempre interessato al fenomeno della ‘polarità’; che si tratti di dicotomia o fusione, quello che cerco di fare è indagare quei fenomeni secondo cui dalla giustapposizione di due elementi prende vita una forma sola, un concetto unico, visibile e comprensibile”, afferma Patrick Tuttofuoco. “In Heterochromic i due elementi su cui mi sono trovato a riflettere sono Carlo Cracco e Rosa Fanti, sua compagna di vita nel senso più ampio, e di come le due identità uomo e donna si possano fondere in un progetto così importante”.

L’artista ha trasformato così due lunette di Galleria Cracco in due occhi, quello di Carlo e di Rosa, rendendoli come parti di uno stesso individuo: è l’evocazione di un’entità unica che presenta iridi diverse – da qui il titolo dell’opera, Heterochromic, rimando alla caratteristica somatica che causa in una stessa persona occhi dai colori differenti. L’artista con questo lavoro pone dichiaratamente l’attenzione su come la singolarità possa comporre un organismo unico, pur garantendone un’identità mista, non gerarchica, rizomatica, anche confusa a tratti, ma sicuramente più aperta e densa.

La scelta di rappresentare la vista deriva dalla forte condivisione tra Tuttofuoco e Cracco di questo senso nelle rispettive ricerche: l’artista e lo chef infatti – seppur con strumenti diversi – sono legati da una comune ricerca in termini estetici e dal conseguente impulso-bisogno di comunicarla, condividerla, renderla assaporabile anche dagli altri. La riflessione di Tuttofuoco, inoltre, non ha potuto non coinvolgere il contesto: la Galleria Vittorio Emanuele II infatti è un luogo pieno di carattere, chiaramente identificabile, un’altra identità forte con cui è stato inevitabile misurarsi. La peculiarità artistica e architettonica della Galleria, insieme alla cura del progetto di restauro del Ristorante Cracco, hanno diretto l’artista nella scelta del media da usare per questo lavoro. Heterochromic (Rosa e Carlo) si compone quindi di neon, materiale – unico nella sua specificità –, dalla dichiarata connotazione artigianale, poetica, elegante, protagonista contemporaneo, eppure allo stesso tempo tradizionale, della storia dell’arte più recente.

Ospitando Galleria Cracco, il nuovo ristorante di Carlo Cracco conferma ulteriormente la sua volontà di porsi come un luogo di sperimentazione, in cui la creatività diventa il fil rouge tra il food – in primis –, l’architettura, il design, l’arte: è l’eccellenza del saper fare italiano, declinata in forme diverse, la vera protagonista.

In occasione di miart, la ventitreesima edizione della fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea di Milano, Patrick Tuttofuoco sarà inoltre protagonista in fiera di un allestimento presso il booth C26 Pad 3 della galleria Federica Schiavo Gallery.